Come avere tanti Mi piace su Facebook nel 2022

    Prima di capire come avere tanti Mi piace su Facebook, devi porti la seguente domanda: Facebook può essere utile ai miei scopi?

    Ci tengo a fare questa precisazione perché ogni social media ha un suo pubblico e, se stai leggendo questa guida per fare digital marketing, è giusto che tu sappia che avere tanti like su Facebook potrebbe essere totalmente inutile ai fini del tuo progetto.

    Non c’è giorno che passi senza leggere notizie allarmanti riguardo il social di Menlo Park.

    Un susseguirsi incessante di: Facebook è in crisi… Facebook è in declino… Facebook è morto.

    Personalmente, se chiudessero in questo preciso istante tutte le piattaforme social esistenti al mondo, con molte probabilità non me ne accorgerei prima di una decina di ore, quindi sono l’ultima persona che potrebbe realizzare una guida su come avere tanti Mi piace su Facebook.

    Ma il punto qui non è sapere quello che interessa o non interessa me, il punto è capire se il tuo progetto sia più adatto per i bimbiminkia millennial che popolano TikTok e Instagram, o per gli attempati frequentatori di Facebook, i famosi OK boomer.

    Perché aumentare i like Facebook?

    Sebbene la fascia dei giovani tra i 13 e i 17 anni, infatti, conti solamente il 2% degli utenti (attirati dall’engagement di storie, video e pagine), Facebook rimane la piattaforma più utilizzata al mondo, con 2,91 miliardi di persone a Ottobre 2021.

    Una crescita del 6,2% nell’ultimo anno.

    170 milioni di nuovi utenti, con un’impennata nella fascia over 65.

    E, di questi 3 miliardi di utenti, oltre 1 persona su 4 scopre nuovi brand, prodotti o servizi grazie alle campagne pubblicitarie proposte all’interno della piattaforma: gli advertising (ADV).

    COVID-19 e guerra del Donbass, inoltre, sembra abbiano spinto persone e aziende ad usare i social in maniera più distaccata e professionale, condividendo meno storie personali, a favore dei post divulgativi.

    Ciò significa che le aziende – in particolar modo le piccole e medie – possono cercare di intercettare potenziali clienti attraverso contenuti utili e autentici, investendo in Facebook ADS con strategie precise che possono portare a buoni risultati.

    Un articolo dedicato a come avere tanti Mi piace su Facebook, quindi, potrebbe non essere così inutile come sembra.

    Come funziona l’algoritmo di Facebook (e di tutti gli altri social)

    Come funziona l'algoritmo di Facebook

    Io non sono un imprenditore e non ho un’azienda da lanciare, ma leggendo del boom social nella fascia d’età over 50, ho provato a mettere in pratica una strategia per far crescere il mio profilo personale di Facebook attraverso l’aumento organico e reale dei Mi piace.

    Visto che la fascia over 50 si è dimostrata anche la più restia alla vaccinazione anti COVID-19, ho cercato un argomento che potesse unire le mie 2 passioni: la controinformazione e la SEO.

    Un articolo che si potesse collegare alle tematiche trattate in questo sito e che potesse apparire come “cospirazionista”.

    É così che è nato Fact-checking Ucraina, una raccolta di tutte le bufale presentate dal mainstream sulla guerra del Donbass che mi ha rilanciato alla grande sui canali di controinformazione… e mi ha permesso di realizzare questa guida su come avere tanti Mi piace su Facebook.

    Un articolo che, dal 3 marzo al 3 maggio, è stato visualizzato 23.593 volte, contribuendo notevolmente a raggiungere gli attuali 4463 followers sul mio profilo Facebook.

    Insomma, 2 piccioni con una fava.

    Se pensi sia un caso, sappi che non è così.

    Come avere tanti Mi piace su Facebook

    Come tutti i social network, anche Facebook funziona in maniera abbastanza scontata: l’utente posta un contenuto, la piattaforma lo mostra ad una fetta ristretta di persone e, se il post riscuote interesse nel breve periodo, l’algoritmo di Facebook lo reputa rilevante e lo “spinge” nelle bacheche di altri account.

    E tutto ciò si ripete finché il post continua a riscuotere successo.

    Insomma, se nel breve periodo riesci a ottenere un discreto engagement, il tuo post avrà infinite possibilità di girare sulla piattaforma per qualche ora, o per qualche giorno.

    Se, invece, non otterrà reazioni nei primi minuti di “vita”, il tuo contenuto non lo vedrà mai nessuno, nei secoli dei secoli.

    Amen.

    Lo scopo di questa guida, quindi, è riuscire a ottenere il “social bombing” senza spendere un centesimo, grazie a 5 semplici regole.

    Ecco come avere tanti Mi piace su Facebook in 5 mosse.

    Quando pubblicare su Facebook: gli orari migliori per i tuoi post

    Quando pubblicare su Facebook

    Ogni settore ha una sua platea e, di conseguenza, gli orari in cui postare sui social variano a seconda della tua nicchia di riferimento.

    Se posti nel momento esatto per la tua nicchia, il click-through rate (il numero di clic ricevuti da un tuo post diviso per il numero di volte in cui questo viene visualizzato) sarà sicuramente più alto.

    Se, però, non hai idea di quale sia la fascia del tuo pubblico, alcuni studi hanno individuato tra le 11:00 e le 15:00 il momento migliore per pubblicare su Facebook e sembrerebbe che il giovedì e il venerdì i tassi di coinvolgimento siano più alti del 20% circa.

    Se non sai da dove iniziare, quindi, diciamo che potresti partire da questa fascia oraria.

    Quanti caratteri utilizzare

    Una delle domande più diffuse sul web è: qual è la lunghezza ideale di un post su Facebook?

    Il limite che la piattaforma di Mark Zuckerberg impone è di 62.206 caratteri, ma quanti caratteri è giusto utilizzare?

    Secondo studi recenti, i post con numero di caratteri inferiore o pari a 80 ricevono un coinvolgimento superiore di ben il 66%.

    Un numero che fa riflettere e che suggerisce di prestare attenzione alla lunghezza del post.

    Il 9 marzo, ad una settimana dall’inizio di questo “test”, sono impazzito e ho scritto un pezzo di 280 parole, per un totale di 1.797 caratteri (spazi inclusi).

    Il risultato è stato il seguente.

    Qual è la lunghezza ideale di un post su Facebook

    Tutto ciò potrebbe sembrare in totale contrasto con quanto scritto prima, ma, in realtà, non è proprio così.

    Sono in molti, infatti, a sostenere che post più lunghi registrino un numero più alto di CTR, evidenziando un aumento di partecipazione del proprio pubblico.

    Soprattutto di quello realmente interessato al “prodotto” che stai proponendo.

    Probabilmente la formula ideale è mixare le 2 cose.

    Utilizza post lunghi per cercare di ottenere più conversioni, e post con un numero di caratteri inferiore per provare ad aumentare l’engagement, far circolare i tuoi contenuti, e farti conoscere da più persone.

    Come avere tanti mi piace su Facebook grazie a video e immagini

    Quando pensiamo alle immagini, la piattaforma che ci viene subito in mente è Instagram, il social network nato per condividere foto che, proprio per questo motivo, costituiscono il cuore di ogni post.

    Bene, devi sapere che, ogni giorno, su Facebook carichiamo circa 300 milioni di fotografie e tutto accade per un solo motivo: catturare l’attenzione del lettore.

    Un’immagine vale più di mille parole

    Mao Tse Tung

    Per quanto riguarda le immagini, ci sono due aspetti da non sottovalutare: le dimensioni dell’immagine che vuoi postare e, nel caso di link esterni alla piattaforma, le dimensioni dell’immagine collegata al link.

    Secondo le più recenti linee guida, Facebook indica che ogni immagine dovrebbe pesare meno di 100 kB e che il formato di file consigliato è il PNG.

    Il PNG è preferibile al JPG perché non perde di qualità nel momento dell’upload.

    Infatti l’algoritmo di Facebook e la tecnologia presente sulla piattaforma applicano una compressione grafica nel momento della pubblicazione, che è molto più marcata sui file JPEG.

    Per quanto riguarda miniature e anteprime dei link che inserisci sul social, queste sono caricate automaticamente da Facebook, ed è buona regola accertarsi che le dimensioni dell’immagine in evidenza dell’articolo che stai condividendo siano perfette, ovvero 1.200×630 pixel.

    Aumenta il watch time

    Come aumentare il time watching su Facebook

    Come abbiamo visto in precedenza, Facebook (e, più in generale, ogni social) ha come obbiettivo quello di premiare i contenuti col maggior engagement.

    Bene, c’è un secondo dato che rende felice l’algoritmo, ovvero la tua capacità di tenere gli utenti all’interno della piattaforma più tempo possibile.

    Più le persone passano il loro tempo su un social, più aumentano le possibilità che clicchino sulle pubblicità presenti all’interno della piattaforma.

    Il primo elemento per crescere su ogni social network, quindi, è il watch time, ovvero il tempo medio che le persone passano guardando i tuoi contenuti.

    Per questo motivo il mio consiglio è: concentrati su video brevi ché risultano più accattivanti di una foto, meno stancanti dei video lunghi e fanno impennare il watch time.

    Chi si occupa di storytelling, spesso crea degli hook mostrandoci nei primi secondi del video una scena drammatica o un momento di suspense, proprio come nei film.

    Gli hook sono sostanzialmente degli agganci che utilizzi per far sì che qualcuno continui a leggere un tuo articolo o, nel caso di Facebook, a guardare un tuo video.

    I 2 hooks più importanti di uno storytelling sono, senza dubbio, il flashforward iniziale e i cliffhanger, ovvero le pause narrative inserite in corrispondenza di un momento di tensione, con l’intento di indurre nel lettore o nello spettatore una forte curiosità circa gli sviluppi successivi.

    Usa queste 2 tecniche e vedrai il watch time schizzare.

    Come avere tanti Mi piace su Facebook grazie alle emoji

    Una volta catturata l’attenzione, il passo successivo è creare engagement.

    Oltre alle immagini, gli emoji sono elementi indispensabili per poter realizzare un post perfetto.

    Permettono infatti di trasmettere determinate emozioni e concetti senza l’utilizzo consueto delle parole.

    Bene, alcuni studi hanno dimostrato che gli emoji possono aumentare il numero di Mi piace su Facebook del 57% e commenti/condivisioni del 33%.

    Le 10 faccine più utilizzate nei post di Facebook per scrivere contenuti di successo sono:

    👉

    👇

    😉

    🎉

    🤔

    👏

    🚀

    🔥

    🎄

    👀

    Crea engagement

    Avere tante reazioni a un contenuto, indipendentemente dalla piattaforma social, è già di per se aumentarne l’engagement.

    Se stai leggendo una guida su come avere tanti Mi piace su Facebook, quindi, stai già muovendo i tuoi passi verso la creazione di engagement.

    Se però riesci a realizzare dei contenuti che invoglino i tuoi followers a commentare e condividere, vedrai che i risultati saranno ancora maggiori.

    Ogni tanto realizza post sotto forma di domanda, e ricordati di rispondere sempre ai commenti con un altro commento, non limitarti a una semplice reaction.

    Per quanto mi riguarda, sono editor/amministratore di 4/5 pagine, e il mio consiglio è quello di riproporre i tuoi post anche in pagine o gruppi che siano in linea col contenuto che proponi.

    Utilizza le liste broadcast

    Come avere tanti Mi piace su Facebook grazie alla lista broadcast WhatsApp

    Molti hanno una newsletter, pochi fanno direct email marketing, nessuno parla della lista broadcast WhatsApp.

    Non posso chiudere l’articolo dedicato a come avere tanti Mi piace su Facebook senza menzionare questa meravigliosa “invenzione” che ti permetterà di utilizzare WhatsApp come notifica per i tuoi nuovi contenuti.

    Vai alla ricerca di persone interessate ai tuoi vecchi post e contattale in privato chiedendo se sono interessate a ricevere una notifica ogni volta che pubblichi un contenuto.

    Una volta ottenuto il numero di telefono, non ti resta da fare altro che creare una lista broadcast su WhatsApp con tutti questi utenti e, dopo aver postato su Facebook, inviare il link al contenuto ai membri della lista.

    Come avere tanti Mi piace su Facebook – Conclusione

    Sebbene Facebook non sia un social per giovani, se hai un’attività commerciale, può essere molto interessante dal punto di vista del marketing.

    Personalmente seguire queste 5 regole non mi pesa e sto ottenendo risultati decisamente positivi, quindi continuerò ad utilizzare il social in questo modo anche nei prossimi mesi.

    Se hai sviluppato una tua strategia su come avere tanti Mi piace su Facebook e hai qualche altra dritta da segnalare, puoi contattarmi a info@nicoforconi.it.